Intervista – Triplo Soul

Intervista tripla ai protagonisti dell’appuntamento 159 di #LFMConsiglia, dello scorso 10 gennaio.

Triplo Soul è un collettivo nato nel 2018 nella scena underground e rap milanese ed è formato da Filippo Torre alias Low P. (Produttore musicale), Giulio de Giorgis alias J Doe (MC/Cantante) e Daniele Di Bella alias Of_D (MC/Cantante) Il 31 maggio 2020 è uscito (su tutte le piattaforme digitali) Affetti collaterali il loro primo album, caratterizzato dalla compenetrazione di più stili ed influenze musicali (rap, funky, elettronica).
Il trio è gia al lavoro per il secondo album, anticipata dall’uscita (1 gennaio) di Devastanti, il  singolo inserito nell’episodio 159 della nostra rubrica (brano molto apprezzato dagli utenti,  tanto da condurli al terzo posto nella graduatoria dell’Artista del mese di gennaio.

Li abbiamo contattati per porre loro qualche domanda.

Ne è venuta fuori una interessantissima intervista tripla.

Quando hai iniziato a fare musica?

Of_D
Era il 2005 quando ho scritto il mio primo testo, senza base senza una metrica, solo uno sfogo di ciò che sentivo, da lì ho capito che non mi bastava più ascoltare musica avevo bisogno di farla a modo mio.

J Doe
In famiglia suonavano tutti uno strumento quindi il mio approccio con la musica é iniziato fin da piccolo alle elementari con lo studio della chitarra classica, ma per quanto riguarda la scrittura ho iniziato nel 2014.

Low P.
Da sempre, nella casa dove sono nato c’é un pianoforte verticale che suonava e suona tuttora mia madre; quello é stato l’inizio, poi chitarra a 9 anni, basso dai 14 il primo synth a 17.

Cosa vuol dire per te fare musica?

Of_D
È un bisogno, è la mia valvola di sfogo. Fare musica non è qualcosa che mi fa stare
bene o male è ciò che mi fa sentire me stesso.

J Doe
“Sfogare” quello che ho dentro, come una sorta di terapia che mi permette di esprimere tutti quei pensieri che probabilmente non direi ad alta voce.

Low P.
Rappresenta il mio pensiero, mi fa da parola.
Riesco ad esprimere i miei sentimenti in maniera più piena con la musica che non in qualunque altro modo.

Artista al quale ti ispiri?

Of_D
Non mi ispiro a nessuno, però ci sono artisti che quando ascolto mi fanno venire voglia di scrivere, c’è ne sono tanti, ma mi succede più di frequente quando ascolto Mac Miller.

J Doe
Ce ne sono vari, sicuramente hanno una grossa influenza a livello interpretativo Kendrick Lamar e J Cole.

Low P.
Beh diciamo che più che ad un artista mi lascio ispirare dalla musica in generale, potrebbe essere Santana come Beethoven, piuttosto che Frank Sativa o Shocca.

Sogni nel cassetto?

Of_D
Beh chiaramente è realizzarmi come artista e poter avere l’occasione di far ascoltare la mia musica a più persone possibile.

J Doe
Riuscire attraverso la musica a far passare il messaggio che sí, i problemi esistono, ma  non sempre rappresentano un ostacolo, anzi possono essere in sé la spinta per raggiungere un traguardo.

Low P
Che venga campionata la mia musica. Questo é quello che mi porta a cercare di comporre  pezzi musicalmente il più completi possibile.

Un aggettivo per descrivere gli altri due elementi del gruppo?

Of_D
JDoe : Affidabile (su di lui posso sempre contare).
Low P : Minuzioso (il suo parere per me è importantissimo, non fa uscire niente se non
suona come deve).

J Doe
Of D: presente (quando ho avuto bisogno c’è sempre stato).
LowP: diretto (pochi fronzoli e giri di parole, come piace a me)

Low P.
J Doe: Oscuro (scrive sempre dei temi che tirano in causa gli scheletri nascosti di ogni ascoltatore).
Of_D: Tenero/Preso bene (lui é quello che ti strappa sempre un sorriso anche quando hai finito di discutere coi santi).
Entrambi sono per me dei fratelli!

Feat dei sogni?

Of_D
A livello internazionale tutti è tre sogniamo Jorja Smith (come collaborazione ideale), mentre in Italia ci sono tanti artisti che apprezzo ma ora come ora collaborerei volentieri con Venerus e Frah Quintale.

J Doe
Visto che su Jorja Smith siamo tutti d’accordo vado di Angèle, cantante belga, incredibile.

Low P.
Ve lo devo dire? Va beh ve lo dico, al primo posto Jorja Smith ma, oltre lei, un artista che secondo me racchiude il Soul adesso é Michael Kiwanuka (se dobbiamo sognare facciamolo bene).

Dove ti vedi tra 5 anni?

Of_D
Mi piacerebbe in tour , vorrei poter portare il nostro suono la nostra musica dappertutto.

J Doe
Con le persone che amo a bere una cosa, perché no, dopo aver fatto sold out in un locale.

Low P.
Spero di essere ancora al Cripta Studio con la stessa fotta che avevo a 14 anni e che ho adesso, solo con qualche disco d’oro appeso ai muri e con la mia famiglia a supportare come ha sempre fatto (mio figlio é il mio fan numero 1 e questo è il motivo per cui cerco di andare sempre oltre).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...